INPGI FUTURO OTTIENE RIUNIONE STRAORDINARIA SULLE DISMISSIONI DELLE CASE

 

Una riunione congiunta straordinaria delle commissioni “Acquisti e dismissioni” e immobiliare è stata chiesta e ottenuta dai consiglieri di Inpgi Futuro Corrado Chiominto e Stefania Conti. Oggetto: le dismissioni immobiliari dell’Inpgi.

La seduta si terrà il 18 ottobre alle 15 e, come recita l’ordine del giorno, valuterà un “focus sull’attuazione del piano di dismissione parziale del patrimonio immobiliare del Fondo Inpgi-Giovanni Amendola”, così come approvato dal Cda il 14 giugno scorso.

La richiesta dei consiglieri di Inpgi Futuro, che fanno parte delle due commissioni, nasce dalla esigenza per l’Inpgi di attivarsi per una maggiore informazione ai colleghi coinvolti e per convocazione urgente dei due gruppi di lavoro con l’obiettivo di tornare a discutere del piano di dismissioni, esaminando i nodi emersi.

Il piano di dismissione degli immobili dell’Inpgi è un’operazione importante: da una parte serve a garantire la liquidità per il pagamento delle pensioni ai giornalisti, dall’altro tocca da vicino un bene sensibile, l’abitazione di molti colleghi. L’equilibrio tra la necessità di garantire il pagamento delle pensioni e l’esigenza di tutelare chi in quegli immobili abita passa attraverso due snodi: da una parte  informazione trasparente e dall’altra una corretta valutazione di mercato delle case che ci si accinge a vendere.

Nella lettera – inviata all’attenzione della presidente Marina Macelloni, del Cda e anche dei presidenti delle due commissioni coinvolte – si chiede la riunione per fare chiarezza sulle denunce che arrivano dalla base (cioé dai clienti che dovranno acquistare il bene) e, in particolare, per un approfondimento sui meccanismi che hanno portato a individuare prezzi al metro quadro che, secondo quanto riportano i colleghi coinvolti, sembrano attestarsi su valori molto alti, nonostante lo sconto del 20% previsto per appartamenti occupati.

Una maggiore trasparenza sulle procedure e sui prezzi sarà inoltre necessaria per favorire, così come previsto dalle delibere, la prelazione a favore della categoria dei giornalisti anche per gli immobili che al termine del processo dovessero non risultare acquistati.

Sarà anche l’occasione per esaminare gli argomenti sollevati da Inpgi Futuro, la lista sostenuta da Puntoeacapo, a partire dal giugno scorso: dalla valutazione degli immobili, alla percentuale di sconto concessa agli inquilini, al ruolo della InvestiRe e dei suoi intermediari. Anche dopo lo scambio di lettere intervenuto nei giorni scorsi tra i consiglieri Paola Cascella e Carlo Chianura e la presidente dell’istituto Marina Macelloni.

2 Commenti "INPGI FUTURO OTTIENE RIUNIONE STRAORDINARIA SULLE DISMISSIONI DELLE CASE"

  1. Giuseppe Cipriani | 12 Ottobre 2016 ore 6:59 | Rispondi

    A me risulterebbe che la prelazione a favore dell’inquilino non è piu dovuta o perlomeno è assoggettata al libero mercato… L’ho vissuta sulla mia pelle qualche anno fa quando un importante banca ha messon in vendita l’immobile dove stavo in affitto. Per acquistarlo ho dovuto almeno pareggiare le offerte di potenziali acquirenti esterni. Come stanno le cose nel caso dell’Inpgi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


15 − undici =