INPGI, PASSA UN BILANCIO FALLIMENTARE MA CON 16 VOTI CONTRARI

 

di Alessandra Spitz*

I numeri impietosi del bilancio dell’Inpgi hanno aperto una grossa crepa nella diga della maggioranza che governa da oltre trenta anni l’Istituto. Più di un quarto del Consiglio generale (16 voti) ha infatti votato no al bilancio di assestamento 2016 ed al bilancio di previsione del 2017 che sono stati approvati con 38 voti a favore (più un astenuto).

La situazione dei conti (vedi l’articolo di Gianni Dragoni pubblicato qualche giorno fa) è tale che la presidente Marina Macelloni ha ammesso che “sono molto negativi” per poi assolvere se stessa e la maggioranza di cui fa parte da ogni responsabilità, seguendo una linea purtroppo molto in voga nel nostro Paese, fidando forse sulla scarsa memoria collettiva.

 

LE RESPONSABILITA’ NEGATE – La relazione della presidente infatti non solo non contiene una riga di autocritica sul passato ma anzi scarica all’esterno le cause del disastro, affermando che l’Inpgi è soggetto passivo di decisioni prese da altri: Parlamento, Governo e Parti sociali. Insomma, è la crisi che sta distruggendo l’Inpgi, è stata la sua tesi autoassolutoria, e noi non potevamo farci nulla e, quindi, non ne abbiamo alcuna responsabilità.

Una linea che è subito stata contestata dagli esponenti di Inpgi Futuro che un poco di memoria l’hanno conservata e le hanno ricordato le pesantissime responsabilità di coloro che si sono presentati alle elezioni con una lista che ha un nome veritiero e rivelatorio: “l’Inpgi siamo noi”.

E infatti sono loro che per decenni non solo hanno governato l’Inpgi ma anche la Fnsi che, insieme alla Fieg, ha firmato nel 2009 una intesa (poi fatta propria dal Ministero del Lavoro) che è stata la causa principale del disastro. Infatti ha permesso agli editori di espellere dalle redazioni centinaia di giornalisti (885 dal 2010 a oggi, mentre 384 con un reddito medio di 118.000 sono stati messi nel mirino dagli editori) con la sola motivazione di un possibile, futuro deterioramento dei conti, senza insomma avere una motivazione oggettiva e senza dover dimostrare nulla.

Hanno scaricato così sull’Inpgi i costi di imprenditori privati che si distribuiscono ricchi dividendi, senza che in cambio venissero assunti quei giovani che, in un sistema sano, contribuiscono a tenere in piedi un sistema pensionistico. E lo hanno fatto coscientemente perchè gli uffici, come ha detto la stessa direttrice generale (come risulta agli atti del dibattito), avevano calcolato gli effetti sui conti di questa decisione, inviando una relazione al Ministero del Lavoro che ha il compito di vigilare sull’Istituto e siede nel suo Cda.

Nulla ha fatto in questi anni la dirigenza Fnsi e Inpgi nei confronti di Governo e Parlamento, almeno per segnalare che, se si avalla una tale indulgenza verso gli editori, il costo della solidarietà e dell’assistenza, in un paese serio, se lo deve accollare lo Stato tramite la fiscalità generale e non si può scaricare su un ente pensionistico e soprattutto sui suoi iscritti più giovani.

Allo stesso modo non sono mai state prese in considerazione le segnalazioni preoccupate di Inpgi Futuro che, da ben due anni, vota contro i bilanci per denunciare l’arroganza e l’irresponsabilità degli esponenti di “l’Inpgi siamo noi”. In precedenza Inpgi Futuro si era astenuto con l’obiettivo di segnalare all’interno e all’esterno dell’istituto la situazione che andava velocemente maturando. Parafrasando Nanni Moretti, sono più di quattro anni, che chiediamo loro di fare qualcosa di sinistra, cioè di pensare ai giovani e ai colleghi più deboli, ma sono rimasti ostinatamente sordi e ciechi, impegnati solo ad occupare il ramo più alto dell’albero che stanno tagliando.

 

LA SCORCIATOIA DELL’ ILLEGALITA’ – Ora, messi alle strette dai numeri e da una parte sempre più consistente del Consiglio generale, hanno dovuto approvare, su sollecitazione del Ministero del Welfare (che a sua volta ha chiuso gli occhi finora), una manovra che penalizza fortemente i colleghi ancora in attività, manovra che sarebbe stata molto più leggera se non avessero perso tempo prezioso, visto che il disastro dei conti si è consumato in cinque anni.

Ma quel che è più grave è che, mentre si rifiutano di tagliare i due milioni e mezzo di euro che da decenni l’Inpgi paga al sindacato (a quanto ammonta la somma cumulata negli anni?), gli esponenti della maggioranza hanno imboccato la scorciatoia della illegalità nei confronti dei loro stessi iscritti, riproponendo il contributo di solidarietà dei pensionati.

Trincerandosi dietro una sentenza della Corte Costituzionale sul prelievo che riguarda un provvedimento che ha forza di legge, la maggioranza finge di ignorare lo stesso Ministero del Lavoro che non più tardi di sei mesi fa li ha sconsigliati con una lettera dal seguire questa strada esprimendo forti dubbi sulla legalità di tale provvedimento,” in quanto imposto da un atto non avente forza di legge, che incide su diritti acquisiti e riguardante pensioni al di sotto della soglia di salvaguardia fissata dalla attuale normativa (14 volte il minimo Inps)”. Un provvedimento che, ha scritto ancora il Ministero, “espone l’Ente ad un contenzioso dagli esiti molto incerti che potrebbero comportare oneri maggiori nel prossimo futuro a fronte di risparmi immediati presumibilmente esigui”.

Nonostante ciò, ancora pochi giorni fa la maggioranza in Consiglio generale ha sfidato con toni irridenti e offensivi i colleghi pensionati, trattati ormai come avversari, a rivolgersi alla magistratura per far valere i propri diritti, ben sapendo che già tre sentenze della Cassazione hanno dato torto ai Cda di altri Istituti che avevano adottato questa strada prima dell’Inpgi.

Insomma, si sceglie la via della illegalità per incassare 6 milioni di euro per soli 3 anni, mentre il buco previdenziale dell’Inpgi è di 130 milioni l’anno. In altre parole, si dichiara guerra ai colleghi anziani indicandoli ai più giovani come vero e proprio caprio espiatorio per incassare noccioline dopo aver ingrassato le parcelle degli avvocati, facendo ulteriormente lievitare gli alti costi delle consulenze che l’Inpgi paga ogni anno.

Chi sceglie scientemente il contenzioso giudiziario con i colleghi-azionisti, deve anche sapere che imbocca una strada la cui logica conseguenza sarà la richiesta di una azione di responsabilità nei confronti di quei dirigenti che hanno pervicacemente distrutto un patrimonio di tutti gli iscritti.

 

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, esecutivo di Puntoeacapo

 

2 Commenti "INPGI, PASSA UN BILANCIO FALLIMENTARE MA CON 16 VOTI CONTRARI"

  1. Giuseppe Cipriani | 29 Ottobre 2016 ore 18:21 | Rispondi

    Ormai diamo il senso delle faide interne… Dirigenza Inpgi vs pensionati Inpgi, come a dire ognuno difende il proprio orticello per quattro euri quattro, provocando gli uni e minacciando gli altri. La colpa di tutto questo, naturalmente, è di nessuno. Ridicolo che nessuno faccia un passetto indietro, visto che i futuri pensionati Inpgi, se ci saranno, faranno un bel passo avanti nel futuro prima di aver riconosciuti dei diritti che fino a ieri si conseguivano con 35 anni di contributi. Vero, cari pensionati indignati?
    Che aspettano, a questo punto i consiglieri che non sono d’accordo a dimettersi? Sarebbe un bel gesto di coerenza, visto che a parole dicono chiaramente che l’Inpgi sta andando a quel paese, tanto vale che si tirino fuori e contribuiscano a velocizzare il trapasso. Tanto per noi con quasi 40 di contributi cambierebbe una cippa.

    • Diciamo che la questione è un po’ più complessa. Chi ha votato contro il bilancio propone politiche innovative, che svelino il rapporto incestuoso tra l’Inpgi e le parti sociali che in questi decenni hanno banchettato con i soldi di tutti i giornalisti, anche i tuoi. Quanto ai pensionati, il punto non sono i cinque dieci cento euro al mese, quanto il diritto di un Cda di introdurre un taglio pensionistico. Anche di un solo centesimo. La questione riguarda tutti, anche te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro × quattro =