INPGI, VORAGINE SENZA FINE NEL BILANCIO. DOSSIER DI INPGI FUTURO

 

di Gianni Dragoni*

Si aggrava il dissesto nei conti dell’Inpgi. Il bilancio di assestamento per il 2016 della gestione principale dell’Inpgi precipita a –121,28 milioni di euro. Una voragine mai raggiunta prima d’ora.

Il documento predisposto dagli uffici interni che aggiorna il bilancio preventivo in base all’andamento della prima parte dell’anno evidenzia un forte peggioramento dei conti, sia rispetto alle previsioni sia rispetto al bilancio 2015.

Non è ancora il bilancio consuntivo, però in base alle cifre disponibili – che saranno esaminate dal consiglio generale il prossimo 27 ottobre – possiamo dire che il 2016 è l’anno peggiore nella storia dell’Istituto di previdenza dei giornalisti.

La perdita della gestione previdenziale e assistenziale è salita a 121,28 milioni di euro. Parliamo ovviamente del cosiddetto Inpgi 1, la gestione sostitutiva dell’Assicurazione generale obbligatoria, che paga e dovrebbe garantire la pensione a tutti i giornalisti lavoratori dipendenti.

Diversa è la situazione della gestione separata (Inpgi 2), che riguarda le partite Iva, i co.co.co, lavoratori autonomi veri o finti, costretti ad accettare queste sembianze per lavorare. L’Inpgi 2 è in attivo, almeno per ora, con un saldo positivo di 40,3 milioni per la gestione previdenziale e assistenziale e un risultato netto positivo per 42,3 milioni (2,2 milioni in meno delle previsioni).

 

LE PRIME STIME DELL’ATTUARIO. Nella relazione che accompagna il dossier sul bilancio, la presidente Marina Macelloni scrive che “secondo le stime attuariali allegate al progetto di riforma le modifiche introdotte porteranno a regime, nel cinquantennio, circa 500 milioni in più di contributi e ridurranno il costo delle prestazioni di 2,3 miliardi”. I risultati e benefici di queste misure “sono strettamente legati” a una ripresa dell’occupazione. E’ la prima volta che leggiamo queste considerazioni, visto che sapevamo che l’attuario non aveva voluto fornire proiezioni sugli effetti della riforma previdenziale del 28 settembre.

 

AUMENTA LO SQUILIBRIO TRA ENTRATE E SPESE. Si è accentuata nel 2016 la tendenza in corso da diversi anni: diminuiscono le entrate costituite dai contributi versati da giornalisti e aziende, mentre aumenta la spesa per le prestazioni, cioè per pagare le pensioni (compresi i prepensionamenti) e gli ammortizzatori sociali (solidarietà, cassa integrazione, indennità di disoccupazione).

La conseguenza è che la gestione previdenziale e assistenziale (“gpa”) dell’Inpgi 1 ha una perdita di 121,28 milioni di euro, cioè 9,4 milioni in più rispetto alla perdita di 111,9 milioni del consuntivo 2015. Questo senza considerare i costi di struttura, che sono pari a 25,7 milioni.

Il bilancio preventivo 2016 approvato dodici mesi fa, quando il presidente Inpgi era ancora Andrea Camporese, aveva stimato per quest’anno una perdita della gpa di 92 milioni. Dunque adesso l’Inpgi calcola che ci sia un peggioramento di 29 milioni del risultato di gestione rispetto a quanto aveva previsto un anno fa, uno scostamento pari al 31,85 per cento.

Nel bilancio di assestamento i ricavi della gestione previdenziale quest’anno sono pari a 410,6 milioni, quasi 15 milioni in meno rispetto ai 424,4 milioni indicati nel bilancio di previsione. I costi per le prestazioni, al contrario, vanno su: 531,9 milioni rispetto ai 517,4 milioni già previsti, vale a dire 14,5 milioni in più.

I ricavi sono aumentati di 12 milioni rispetto al 2015 perché c’è stato un aumento di 19,6 milioni dei contributi obbligatori, in totale pari a 390,7 milioni: secondo gli uffici dell’istituto questo è l’effetto dell’aumento dell’aliquota contributiva Ivs introdotta con la riforma approvata dal cda dell’Inpgi nel luglio 2015, per la parte che è stata approvata dai ministeri vigilanti (Economia e Lavoro), i quali hanno invece bocciato ampie parti di quella riforma. Se guardiamo alle spese notiamo però che, rispetto al 2015, c’è stato un aumento ancora maggiore, 21,9 milioni in più rispetto ai 510,28 milioni preventivati.

 

GESTIONE PREVIDENZIALE E ASSISTENZIALE, ANDAMENTO DAL 2010 AL 2016

 

(dati in milioni di euro)

Anno 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016
Ricavi 423,81 416,85 434,60 415,82 409,08 398,34 410,63
Spese 392,00 418,15 441,99 467,47 490,70 510,28 531,91
Risultato +31,81 -1,30 -7,39 -51,65 -81,62 -111,94 -121,28

Fonte: bilanci consuntivi Inpgi 2010-2015 e assestamento 2016.

 

 

NUOVO MIRACOLO DELLE PLUSVALENZE DI CARTA. La perdita della gestione previdenziale e assistenziale dell’Inpgi per il 2016 è pari al 29,5% dei ricavi, se fosse un’azienda sarebbe fallita da un pezzo.

Eppure anche quest’anno i documenti ufficiali preparati dal vertice dell’istituto affermano che il risultato finale dell’Inpgi sarà positivo, nell’assestamento viene indicato un avanzo di gestione di 1,658 milioni, come dire che ci sarebbe un piccolo utile netto. Il bilancio di previsione stimava un utile più alto, pari a 16,9 milioni. Nel 2015 il bilancio ha dichiarato un utile “ufficiale” di 21 milioni.

Siamo di fronte, anche quest’anno, al solito miracolo cui ci ha abituato la maggioranza che governa l’Inpgi da anni e che Inpgi Futuro ha più volte criticato. Il disavanzo della gestione viene coperto da mirabolanti proventi della gestione immobiliare: le plusvalenze calcolate per il conferimento degli immobili di proprietà al Fondo immobiliare Giovanni Amendola, che è interamente di proprietà dell’Inpgi, anche se gestito da una società esterna, InvestiRe Sgr.

Queste plusvalenze, come ha riconosciuto nei mesi scorsi anche la presidente Marina Macelloni, sono di carta, perché l’Inpgi non ha incassato nulla da queste operazioni in quanto gli immobili, tranne qualche appartamento, non sono stati venduti, ma solo messi dentro una scatola che si chiama Fondo Giovanni Amendola.

E’ come se fossero passati da una mano all’altra dello stesso Inpgi e nel frattempo ci fosse stata una rivalutazione, dal costo storico degli immobili si è passati a quello che viene considerato un “valore di mercato”, in base a perizie. Ma nemmeno un euro è entrato nelle casse dell’Inpgi.

Il consiglio di amministrazione ha approvato un programma di vendita parziale e graduale degli immobili che ha preso avvio da pochi mesi, tra polemiche, contestazioni, difficoltà, come già segnalato da Inpgi Futuro e sul sito Puntoeacapo. Un capitolo controverso, per tante ragioni, tra cui c’è anche il rischio di svendite di un importante patrimonio accumulato in molti anni che appartiene a tutti i giornalisti.

 

ATTENZIONE ALLE MINUSVALENZE. Intanto, l’Inpgi cerca di salvare la faccia del bilancio con le plusvalenze di carta, cioè entrate fittizie. Nel 2016 sono stimate plusvalenze sugli apporti al Fondo immobiliare pari a 98,64 milioni, questa cifra però è inferiore rispetto al valore preventivato che era di 135 milioni.

Segno che, probabilmente, le previsioni erano ottimistiche oppure la situazione del mercato è peggiorata. Ma c’è un altro segnale di allarme. Nel bilancio di assestamento compare anche una minusvalenza “non stimata in sede di preventivo” di 16,93 milioni, “realizzata in sede di apporto degli immobili i cui valori di mercato sono risultati inferiori rispetto ai valori di mercato”, dice il bilancio preparato dagli uffici dell’Inpgi.

La plusvalenza netta per il conferimento degli immobili è quindi più bassa, pari a 81,7 milioni, rispetto ai 98,64 milioni di plusvalenze lorde e quindi ancor più distante dai 135 milioni stimati un anno fa dall’Inpgi di Camporese.

Di fronte a questi dati avanziamo una domanda al vertice dell’Inpgi: le plusvalenze dichiarate con i conferimenti immobiliari fatti negli anni precedenti sono ancora da considerare realistiche? Oppure i valori al ribasso del 2016 potrebbero portare al rischio di rettifiche negative nei bilanci già approvati? In altre parole, ci chiediamo se i valori degli immobili siano corretti in base ai prezzi di mercato o se ci sia il rischio di future svalutazioni.

Ricordiamo che nei tre anni precedenti, dal 2013 al 2015, l’Inpgi ha dichiarato nei propri bilanci plusvalenze per complessivi 290,6 milioni. In consiglio generale Inpgi Futuro ha votato contro l’approvazione del bilancio 2015, perché malgrado lo squilibrio di 111,9 milioni ha dichiarato un utile netto di 21 milioni.

Se si facesse un bilancio consolidato, cioè un bilancio unico dell’Inpgi compreso il fondo immobiliare poiché appartiene per il 100% all’istituto, queste plusvalenze sarebbero cancellate, perché realizzate con un’operazione “in famiglia” e i veri conti dell’istituto, purtroppo in profondo rosso, verrebbero messi a nudo.

 

MENO SOLDI DAGLI AFFITTI E SVALUTAZIONE DI CREDITI. Con il passaggio degli immobili al Fondo Amendola, l’Inpgi incassa sempre meno dagli affitti perché diminuiscono gli immobili di diretta proprietà, che un tempo costituivano una voce importante di entrata.

Nel 2016 l’incasso dai canoni di locazione sarà di appena 4,1 milioni, con una diminuzione di 16 milioni rispetto al 2015. E ci sono però costi di gestione pari a 4,36 milioni, in aumento del 74% rispetto alle previsioni, “tenuto conto degli interventi resisi necessari per la sistemazione, l’adattamento e la regolarizzazione degli immobili apportati al Fondo immobiliare”.

Tra le brutte notizie c’è anche la stima di fare a fine anno 10 milioni di svalutazione di crediti su contributi, perché ritenuti inesigibili. Si desume che siano crediti verso aziende editoriali. Nel 2015 le svalutazioni furono di 17,5 milioni.

 

VENDITA DEL PATRIMONIO TITOLI PER FARE CASSA. C’è un’altra voce straordinaria che ha contribuito a coprire il fabbisogno dell’Inpgi, soprattutto per coprire le necessità di cassa che sono state stimate nei mesi scorsi dagli uffici finanziari in circa 140 milioni all’anno, a causa dello squilibrio tra entrate e uscite.

Per procurarsi la liquidità l’Inpgi vende titoli del patrimonio dell’istituto, che è investito oltre che in immobili in fondi azionari e obbligazionari. Da quanto si può capire dai documenti distribuiti per il prossimo consiglio generale, nelle entrate di cassa ci sono 110 milioni riferiti alle “operazioni di disinvestimento mobiliare a supporto della gestione prevdenziale”. Cioè si vendono quote di fondi obbligazionari o azionari per pagare le pensioni, la cassa integrazione, la solidarietà.

E’ chiaro che in questo modo il patrimonio si riduce, come avviene già da alcuni anni. In tre anni, da fine 2012 a fine 2015, c’è stata una diminuzione di 304 milioni del “valore di mercato” del patrimonio dichiarato nel bilancio Inpgi. Questo valore era pari a 1.860,6 milioni a fine 2015. Nei documenti dell’assestamento non è indicato il valore di mercato dell’intero patrimonio stimato a fine 2016.

Il risultato economico contabile della gestione mobiliare nell’assestamento presenta un saldo netto positivo di 67,95 milioni, soprattutto per effetto dell’aumento delle plusvalenze nette da realizzo per negoziazione oltre per le differenze cambi, tenuto conto delle imposte e degli oneri da svalutazioni di fine anno.

Par di capire, in attesa di avere ulteriori informazioni nelle prossime riunioni degli organi collegiali sul bilancio, che nella vendita di titoli per fare cassa gli uffici finanziari dell’Inpgi abbiano dato la precedenza soprattutto ai pezzi migliori, i gioielli, per questo sono state realizzate plusvalenze. Resterebbe da capire qual è l’appetibilità e la redditività del patrimonio mobiliare rimasto nel portafoglio dell’istituto.

 

SPESE DI STRUTTURA INCOMPRIMIBILI. Si arriva in conclusione ai costi di struttura dell’Inpgi, una voce pressoché incomprimibile negli anni nonostante la crisi dell’Inpgi, che sappiamo è dovuta al calo dei giornalisti attivi e all’aumento dei pensionati e degli stati di crisi nelle aziende editoriali. I costi di struttura totali sono pari a 25,68 milioni, cioè 726mila euro più del 2015 (erano 24,95 milioni), mentre c’è una riduzione di 618mila euro rispetto al preventivo (26,297 milioni).

I costi per gli organi dell’ente ammontano a 1,524 milioni, 331mila in meno del preventivo, per le riduzioni di indennità e i tagli ai gettoni di presenza decise durante il 2015 e nei mesi scorsi. Rispetto al 2015 però il costo degli organi è aumentato di 189.500 euro, a causa dei 275mila euro per “elezioni organi statutari”, cioè le elezioni svoltesi lo scorso febbraio.

Il costo del personale è di 17,18 milioni, 710mila in più del 2015, mentre rispetto al preventivo 2016 c’è una riduzione di 453mila euro. La relazione al bilancio di assestamento afferma che il costo del personale è più basso, si riduce a 12,3 milioni per gli storni per i riaddebiti di costi per il personale indiretto impegnato a favore della gestione separata (2,88 milioni) e per il personale in forza al servizio immobiliare per conto della società di gestione del Fondo immobiliare (2 milioni). Secondo i dati dell’Inpgi, il costo effettivo del personale, fatti questi riaddebiti, nel 2016 è di 12,3 milioni, rispetto al dato omogeneo di 12,57 milioni nel 2015 e a 13,3 milioni nel 2014.
Tra i costi ci sono consulenze legali, fiscali, previdenziali ed attuariali per 80.500 euro, rispetto a 298.824 nel 2015, inoltre “altre consulenze” per 120.000 euro, rispetto a 154.513 nel 2015.

 

AL SINDACATO L’INPGI VERSA 2,45 MILIONI. Resistono, inattaccabili, i costi più volte denunciati da Inpgi Futuro per i “servizi resi dalle Associazioni stampa” regionali, pari a 2,45 milioni nel 2016 (2,49 milioni l’anno scorso). Sono costi sostenuti dall’Inpgi in larga parte a favore della Fnsi e delle associazioni sindacali territoriali. Inpgi Futuro da tempo si batte perché ci sia maggiore chiarezza sulla natura di questi “servizi” e perché i contributi al sindacato non vengano posti a carico di tutti i giornalisti e pensionati che versano contributi all’Inpgi.

 

PREVISIONI 2017: AUMENTA LO SQUILIBRIO DELLA GESTIONE. L’Inpgi ha messo per iscritto le proiezioni per l’anno prossimo, nel bilancio preventivo 2017. La gestione previdenziale e assistenziale dovrebbe avere ricavi per 409,46 milioni, inferiori ai 410,63 milioni dell’assestamento 2016. Invece i costi della medesima gestione, per pagare pensioni e interventi di assistenza, dovrebbero aumentare ancora, fino a 543,63 milioni, cioè 11,7 milioni in più rispetto ai 531,9 di quest’anno. Di conseguenza il risultato della gestione previdenziale e assistenziale è previsto che sarà negativo per 134,17 milioni, con un peggioramento di 12,9 milioni rispetto ai -121,3 di quest’anno.

 

PLUSVALENZE IMMOBILIARI, ULTIMO GIRO. Anche nel 2017 sono previsti conferimenti di immobili al Fondo Giovanni Amendola, ancora una volta con le solite plusvalenze di carta. Queste sono stimate in 61 milioni. Saranno gli ultimi conferimenti di immobili, perché dopo questa operazione l’Inpgi non avrebbe più patrimonio da conferire.
Gli incassi da affitti da immobili di proprietà caleranno ancora a 3 milioni, 1,1 milioni in meno di quest’anno.
E’ confermata anche per l’anno prossimo la manovra di cessione di titoli del portafoglio finanziario per fare cassa e coprire il fabbisogno di liquidità. Secondo il bilancio preventivo i disinvestimenti mobiliari dovrebbero aumentare a 150 milioni. Nel complesso l’istituto si aspetta di ottenere proventi finanziari della gestione mobiliare per 66 milioni dalla cessione di titoli e per 3 milioni dalle differenze cambi, da cui vanno defalcati oneri per 8 milioni.

 

BUCO TROPPO GRANDE: IL BILANCIO UFFICIALE SARA’ IN PERDITA. Alla fine il risultato ufficiale del bilancio Inpgi, malgrado le plusvalenze di carta dei conferimenti immobiliari e quelle derivanti invece dalla cessione di titoli, andrà per la prima volta in passivo perché il buco della gestione è troppo grande. Infatti per il 2017 viene stimato un disavanzo ufficiale, cioè una perdita netta del bilancio di 37,9 milioni.
Queste proiezioni sono state fatte senza calcolare l’impatto che potrà derivare dalle misure di riforma della previdenza approvate dal consiglio di amministrazione Inpgi alla fine di settembre, in attesa che i ministeri dell’Economia e del Lavoro si pronuncino sula riforma.

Se non ci saranno obiezioni la riforma dovrebbe entrare in vigore dal primo gennaio 2017. I conti si faranno meglio dopo la pronuncia dei ministeri.

Intanto, nel bilancio dell’Inpgi le spese di struttura rimangono sostanzialmente invariate a 25,7 milioni anche l’anno prossimo. Il costo per gli organi dell’ente dovrebbe scendere a 1,17 milioni per le riduzioni già decise.
Invece i costi per i “servizi resi dalle Associazioni stampa”, i soldi in gran parte destinati al sindacato, sono confermati in 2,45 milioni anche l’anno prossimo. La crisi non li tocca.

Abbiamo una domanda semplice semplice per la presidente Macelloni e la maggioranza che governa l’Inpgi: siccome a causa della crisi l’istituto chiede sacrifici ai giornalisti (contributi più alti e pensioni più basse), perché non si rivede completamente il sistema di finanziamento al sindacato?

* Consigliere di Inpgi Futuro, commissione Bilancio

 

3 Commenti "INPGI, VORAGINE SENZA FINE NEL BILANCIO. DOSSIER DI INPGI FUTURO"

  1. Allarmante e preoccupante la situazione dell’Inpgi descritta correttamente da Gianni Dragoni. La crisi dell’editoria è devastante e forse irreversibile ma non voglio abbandonarmi a critiche a quel gruppo che da qualche decennio gestisce, male, il nostro istituto. E c’è un interrogativo: che fine fanno i soldi degli affitti? Perché non vanno con una partita di giro con il Fondo Amendola nelle casse dell’Inpgi?

  2. Giuseppe Cipriani | 28 Ottobre 2016 ore 7:10 | Rispondi

    Davanti a bilanci così inquietanti, cosa aspetta l’Inpgi a prendere atto dell’invito ministeriale di applicare la legge Madia?
    Sarebbe una goccia nel mare recuperare qualche quattrino di indennità non dovute, ma piuttosto di niente è sempre meglio piuttosto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × cinque =