INPGI, UN LIVORE PER SCATENARE UNO SCONTRO GENERAZIONALE

 

di Mario Antolini*

Riportiamo la questione alla sua banale linearità: il Cda Inpgi assume una decisione, un gruppo di giornalisti ritiene che il Cda non ne abbia la legittimazione perché un prelievo sulla pensione deve essere introdotto per legge e non con una  semplice delibera.

Quello stesso gruppo ammonisce che altrimenti si fisserebbe un precedente assai pericoloso per gli anni futuri e fa presente questi rilievi con una raccolta di firme; il Cda Inpgi non si convince di queste ragioni e quindi procede per la sua strada. Così, come per ogni altra controversia, la naturale e tranquilla evoluzione è il ricorso alla magistratura.

Nel frattempo, sarà però bene ricordare che il pensionato già contribuisce alla solidarietà di categoria con la mancata perequazione, che ha finora lasciato circa 36 milioni di euro nelle casse dell’Istituto. E sarà anche bene considerare che è proprio il pensionato ad avere un interesse assoluto alla buona salute del suo Inpgi.

Il giornalista quarantenne può sempre adoperarsi, tentare, almeno sperare di costruirsi nei prossimi venti, venticinque anni una alternativa, una integrazione, una diversa strada; il pensionato no: per lui, la pensione è davvero l’ultima spiaggia, il binario morto oltre il quale non c’è più nulla. Per questo sono convinto che se si chiedesse, piuttosto che imporlo, un contributo volontario, dai pensionati si avrebbe una risposta sorprendente.

Invece, vedo in giro un livore, un astio che non appare giustificato. Parlare di vergognoso comportamento dei pensionati, accusarli di grettezza morale, lanciarsi in riferimenti approssimativi alla letteratura anglosassone, impegnarsi in sgradevoli  indagini olfattive sui piedi dei pensionati, è francamente avvilente. Ma davvero avvilisce solo chi propone certe considerazioni, non chi si trovi costretto ad ascoltarle.

Fermiamoci, torniamo serenamente alla nuda questione. Il Cda Inpgi afferma di poter imporre un prelievo sulle pensioni, un gruppo non irrilevante di giornalisti ritiene che il Cda non ne abbia la legittimazione perché questa è materia da regolare solo con legge, e allora la controversia – il quesito giuridico – naturalmente, tranquillamente, finisce sul tavolo di un magistrato, la cui decisione dovrà poi essere accolta rispettosamente dalle parti. E’ il normale, corretto, modo di procedere. Tutto il resto fa male, fa solo male.

 

* Consigliere generale per Inpgi Futuro, viceportavoce di Puntoeacapo

Sintesi dell’intervento nel consiglio generale Inpgi del 27 ottobre 2016

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × tre =