INPGI, LA BOMBA DEGLI IMMOBILI CHE MINACCIA LA PREVIDENZA DEI GIORNALISTI

 

di Gianni Dragoni*

La bomba degli immobili può far saltare le pensioni dei giornalisti? E’ quello che potrebbe accadere se gli immobili comprati negli anni dall’Inpgi e posti a garanzia delle prestazioni dell’istituto, un patrimonio stimato in circa 1,16 miliardi di euro che è stato quasi interamente conferito a un fondo immobiliare, finissero per venire svenduti.

Facciamo questa domanda con una preoccupazione, alimentata da alcuni recenti episodi. Il primo è un’indiscrezione rivelata dal sito www.corsera.it (nulla a che fare con il Corriere della sera), sulla quale constatiamo che dal vertice Inpgi non è giunta alcuna precisazione o smentita. Un appartamento uso ufficio di 800 metri quadrati nel centro di Roma, in via Parigi, già sede dell’Ordine nazionale dei giornalisti fino a un anno fa, sarebbe stato venduto a un misterioso investitore da poche settimane, per 3,8 milioni di euro.

Quest’immobile era iscritto nel bilancio dell’Inpgi fino al 2015 al costo storico di 9,5 milioni. Nel febbraio 2016 è stato apportato al Fondo immobiliare dell’Inpgi Giovanni Amendola. Se la notizia fosse confermata, ripetiamo finora non ci sono state smentite, potremmo parlare di una svendita.

Ma c’è un altro episodio allarmante, anche se non riguarda direttamente l’Inpgi. Parliamo della svendita degli immobili di quattro fondi le cui quote erano state vendute ai risparmiatori dalle Poste e quotate in Borsa. In totale erano stati raccolti 850 milioni di euro, soldi che in gran parte sono andati in fumo. Uno scandalo raccontato in dettaglio da numerosi articoli del Sole 24 Ore e di Repubblica.


LA SVENDITA DI IMMOBILI DEI FONDI DISTRIBUITI DALLE POSTE

Ci riferiamo in particolare a due di questi fondi, Invest Real Security (Irs) e Obelisco, perché sono gestiti da InvestiRe Sgr, la stessa società che è stata selezionata dall’Inpgi nel 2013 per gestire il proprio Fondo Giovanni Amendola. Le quote di questi fondi erano state vendute dalle Poste tra il 2002 e il 2005. Anni in cui il mercato immobiliare non era depresso, poi c’è stata la crisi.

I fondi avrebbero dovuto comprare immobili, affittarli e venderli e distribuire i proventi agli investitori. I fondi in genere hanno una durata di 10 anni, che può essere prorogata. Con l’avvicinarsi della scadenza di questi due fondi gli immobili ancora in portafoglio sono stati svenduti, per liquidare in contanti le quote degli investitori.

Il primo di questi fondi, Irs, ha chiuso il 31 dicembre 2016, dopo tre anni di proroga. Pochi giorni prima, il 20 dicembre 2016 InvestiRe ha annunciato di aver sottoscritto con un non meglio precisato “importante investitore internazionale” il contratto preliminare di compravendita del portafoglio residuo di Irs, composto da 5 immobili.

Il comunicato di InvestiRe riferisce con toni molto tranquilli quella che è una tragedia per i risparmiatori.

Gli immobili svenduti sono:

  1. un centro commerciale ad Andria, che era stato comprato dal fondo per 52,2 milioni. Il valore dell’ultima perizia fatta dall’immancabile “esperto indipendente”, riferita al 30 giugno 2016, era sceso a 23 milioni. Il prezzo di vendita finale è ancora più basso, appena 8,8 milioni, con una minusvalenza del 61,74% (qualcuno lo definisce uno sconto) rispetto alla perizia di sei mesi prima;
  2. un centro commerciale a Bologna, che era stato comprato per 51,6 milioni, valutato 18,9 milioni a giugno 2016, è stato venduto per 7 milioni, con una minusvalenza del 63,2% in sei mesi;
  3. un immobile cielo terra ad uso logistica a Rutigliano, comprato per 12,4 milioni, valutato 3 milioni a giugno 2016, è stato venduto per 1,2 milioni, con una minusvalenza del 59,5% in sei mesi;
  4. un palazzo di uffici a Cinisello Balsamo, comprato per 7,6 milioni, valutato 4,5 milioni a giugno 2016, è stato venduto per 1 milione, con una minusvalenza del 78,7% in sei mesi;
  5. un palazzo di uffici a Torino, comprato per 18 milioni, valutato 11,5 milioni a giugno 2016, è stato venduto per 2,1 milioni, con una minusvalenza dell’81,7% in soli sei mesi.


LA STANGATA PER I RISPARMIATORI

In totale, pertanto, i cinque immobili che erano stati comprati dal fondo Irs per 141,8 milioni, a giugno 2016 erano stati valutati appena 60,8 milioni, mentre alla fine sono stati venduti in blocco a un “investitore internazionale” per soli 20 milioni: cioè l’85,9% in meno del prezzo di acquisto e il 67,1% in meno della perizia di soli sei mesi prima. Nessuna spiegazione nel comunicato di InvestiRe sulle ragioni della pesante minusvalenza.

InvestiRe ha comunicato che i sottoscrittori del fondo riceveranno un primo rimborso di 390 euro per quota, salvo aggiustamenti nel rendiconto finale, rispetto a un valore originario delle quote di 2.500 euro e ai 1.229 euro stimati al 30 giugno 2016. In 13 anni il fondo Irs ha distribuito 658 euro per quota, come dividendi. Anche tenendo conto di queste cedole, gli investitori hanno avuto un rendimento complessivo (Irr) negativo, pari secondo InvestiRe a -7,8% all’anno. Chi è entrato all’inizio ha perso 1.452 euro su ogni quota da 2.500.

L’altro fondo gestito da InvestiRe Sgr, Obelisco, il 20 dicembre 2016 ha firmato il preliminare di vendita al medesimo “importante investitore internazionale” di quattro immobili, uno a Milano, due a Roma, uno a Fiumicino, al prezzo complessivo di 33 milioni, rispetto a 78,11 milioni della perizia dell’ “esperto indipendente” del 30 giugno 2016. Quindi c’è stata una minusvalenza del 57,7% in soli sei mesi. Il fondo Obelisco non è a fine vita, tuttavia le quote si sono già pesantemente svalutate, il 5 gennaio 2017 in Borsa valevano 216 euro, contro una valutazione di 1.118 euro fatta dagli esperti il 30 giugno 2016 e i 2.500 euro iniziali.


MA QUALCUNO CI GUADAGNA

Una stangata, insomma. Ma qualcuno ci ha guadagnato. Chi è questo qualcuno? Chi ha venduto gli immobili nel 2003 ai fondi, il misterioso “importante” compratore finale (sulla cui identità sarebbe opportuna la massima trasparenza) e le società di gestione dei fondi. Perché il gestore riceve una commissione, in percentuale sul valore degli immobili del fondo. Pertanto più a lungo gli immobili rimangono nel fondo e più il gestore ci guadagna. Questo potrebbe spiegare perché si sia aspettato l’ultimo minuto per cedere gli immobili, ma non spiega perché siano stati svenduti.

Se i prezzi erano già così bassi come quello della vendita finale, perché i periti il 30 giugno 2016 non ne avevano già tenuto conto? Oppure, se quelle valutazioni erano realistiche, dovremmo pensare che sia stato fatto un regalo a un “importante investitore internazionale” svendendo gli immobili?

A quanto si sa neanche Banca d’Italia e Consob, che devono vigilare sul pubblico risparmio, hanno sollevato interrogativi sull’operazione.

(1 – continua)

* Consigliere di Inpgi Futuro, Commissione Bilancio Inpgi

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quindici − 8 =