EX FISSA, LA FNSI CAMBIA VERSO MA ORA RISPONDA ALLE DOMANDE DI PUNTOEACAPO

 

di Paola Cascella *

Sarebbe bello se il segretario della Fnsi Raffaele Lorusso spiegasse il motivo della sua inattesa dichiarazione di mezza estate sulla ex Fissa.

Per chi se lo fosse perso, Lorusso ha fatto sapere ai giornalisti nuovi e vecchi pensionati in attesa dell’ex Fissa (anche da anni) che la Fnsi si costituirà parte civile accanto a loro nel caso in cui non ricevano il dovuto.

Un vero e proprio colpo di scena con il quale, va ricordato, ha contraddetto sia il suo predecessore ora nel Cda Rai Franco Siddi che soprattutto se stesso, poiché i giornalisti che finora hanno fatto causa per il mancato versamento dell’ex Fissa si sono sì ritrovati il sindacato parte civile, ma non dalla stessa parte, bensì contro di loro.

Ora Lorusso cambia verso. Perchè lo fa? Forse sa che i fondi Fieg per pagare l’ex Fissa sono agli sgoccioli? Oppure il suo è solo un gesto di ritrovato posizionamento nel campo dei legittimi diritti dei giornalisti?

Per questo un chiarimento sarebbe da parte sua opportuno. E anche doveroso, visto che, secondo l’articolo 7 della Convenzione, siglata giusto giusto tre anni fa dalla Federazione della stampa e dalla Federazione degli editori “è stata istituita una Commissione paritetica costituita da due rappresentanti per ognuna delle organizzazione firmatarie (…) cui sono attribuiti compiti di natura consultiva e interpretativa in merito alle materie regolamentate dalla presente Convenzione (relative all’ex Fissa, ndr)”.

Ma c’è di più: “Alla Commissione paritetica è affidato il monitoraggio dell’andamento economico della gestione (…) in merito alle modalità di erogazione delle prestazioni di cui alla presente Convenzione”. E ancora, sempre all’articolo 7: “La Commissione paritetica definisce con proprio atto la periodicità delle verifiche intermedie, d’intesa con l’Inpgi, e sulla base dei dati forniti dalla contabilità della gestione separata”.

Ecco. Alla luce di tutto questo è da escludere che Lorusso non sia informato sullo stato dell’arte relativo all’ex Fissa. Eppure, nel Cda del 20 giugno scorso tutte le domande avanzate da Inpgi Futuro sul tema sono rimaste senza risposta.

E’ stata costituita la Commissione paritetica stabilita dalla Convenzione? Chi ne faceva parte? Ha monitorato lo stato del Fondo ex Fissa, com’era suo dovere? Con quali risultati? E l’Inpgi, che pure è soltanto l’ente erogatore, perchè dice, per bocca della presidente Marina Macelloni, che solo a fine anno sapremo se le rate dell’ex Fissa verranno pagate, visto che è “d’intesa con l’Istituto” che doveva essere stabilita la periodicità delle verifiche intermedie”?

Silenzio su questi e altri quesiti che abbiamo posto a giugno. Certo non ci aspettavamo risposte dettagliate da parte del rappresentante Fieg Francesco Cipriani. Ma da Lorusso… ebbene sì. A maggior ragione col senno di poi, leggendo quanto ha dichiarato l’altro giorno.

* Cda per Inpgi Futuro

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dieci − 2 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.