PARLAMENTARI GIORNALISTI, MA DAVVERO NON AVETE NULLA DA DIRE SULL’AGONIA DELL’INPGI?

di Salvatore Rotondo

Ma davvero non avete nulla da dire a proposito dell’agonia di un istituto di previdenza? Non saprei: un commento, una critica, una proposta, un cenno anche vago di risposta alla mail che vi è stata inoltrata il 23 dicembre scorso? L’avete almeno aperta? O è stata messa a tacere nel cestino virtuale dei rifiuti?

Conteneva il testo di una lettera-appello dei giornalisti al presidente della Repubblica, che ad oggi è stata firmata da oltre duemila colleghi, tra i quali molte firme prestigiose. Appello sul tema del progressivo affievolimento delle funzioni vitali di un ente che – sia detto incidentalmente – è, come anche l’Ordine, parte di un insieme di cui dovreste sentirvi rappresentanti.

È di ieri la notizia che il Cda dell’Istituto ha espresso a maggioranza parere favorevole ad alcune misure di riforma che comprendono, al primo punto, un aumento per 5 anni dell’1% delle contribuzioni dei giornalisti attivi e un uguale taglio lineare delle pensioni in corso. Un parere sottoscritto fingendo di ignorare che l’ipotesi di reintroduzione di un nuovo contributo di solidarietà, dopo l’ultimo di tre anni concluso nel febbraio 2020, è stato escluso dal Consiglio di Stato.

Tra gli altri punti “brilla” l’abolizione della superinvalidità, del contributo sulle rette delle case di riposo e sugli altri sussidi. Misure che porterebbero nelle casse dell’Inpgi pochi spiccioli. Ma… c’è un ma. Questa operazione, ingiungono i consiglieri firmatari della nota che la illustra, deve essere affiancata da una misura strutturale introdotta dal governo.

E si torna per l’ennesima volta a indicare la deportazione forzosa dei comunicatori, figure che lavorano a vari altri titoli nell’ambito dell’informazione  e della comunicazione, dall’Inps all’Inpgi. Peccato che di fatto questo passaggio non sia concretamente fattibile, non soltanto per il netto e comprensibile rifiuto dei diretti interessati, ma anche per le difficoltà di ordine burocratico che la rendono una prospettiva troppo lontana. L’Inpgi sta affogando e il giubbotto di salvataggio non può essere lanciato con comodo. Serviva già ieri.

Del resto se anche il commissariamento dell’istituto fosse rinviato sine die, la misura frutterebbe non più di 50 milioni di contributi aggiuntivi. A fronte di un disavanzo della gestione previdenziale e assistenziale dell’Inpgi previsto per il 2021 di  204,6 milioni. Un buco? Una voragine.

Da qualche settimana, le acque finalmente si sono mosse, grazie alle iniziative del comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti”, ospitato dal sito di Puntoeacapo, che ha lanciato la lettera-appello al Presidente Mattarella per chiedere “un intervento presso tutte le istituzioni interessate affinché sia confermata la garanzia pubblica dello Stato sul sistema pensionistico, come già avvenuto in passato per altri enti previdenziali. E in generale affinché si valuti con la massima urgenza, con responsabilità e trasparenza, ogni soluzione equa e non punitiva in grado di continuare ad assicurare la pensione e le prestazioni previdenziali a tutti i giornalisti italiani”.

Il Quirinale ha risposto spiegando che “il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è grato per l’invio e per la forma contenuta nella lettera-appello con cui si chiede di considerare un suo intervento per preservare le prestazioni previdenziali dei giornalisti”. Aggiungendo che “Il capo dello Stato si riserva le opportune valutazioni e iniziative per un approfondimento della situazione in atto”.

Una nota è stata inviata anche alla “Piattaforma per la Protezione del Giornalismo e la Sicurezza dei Giornalisti” e al Dipartimento della Carta sociale europea del Consiglio d’Europa. Vi si chiede “un alto intervento di Strasburgo presso le istituzioni interessate della Repubblica Italiana affinché sia confermata la garanzia dello Stato sul sistema pensionistico dei giornalisti, come già avvenuto in passato per altri enti previdenziali, e la protezione del loro lavoro”. Anche il Consiglio d’Europa ha risposto assicurando l’impegno a difesa dei giornalisti minacciati dalla “erosione dei diritti sociali ed economici”.

Una cosa è certa, che la sopravvivenza dei diritti previdenziali dei giornalisti, che non necessariamente deve continuare a chiamarsi Inpgi, è ora nelle mani dei politici. Che potrebbero ad esempio mobilitarsi, con iniziative e interrogazioni sul perché, anziché pensare a deportazioni di categorie riluttanti, non venga fatta rispettare la legge secondo cui i numerosissimi addetti stampa degli uffici statali, o delle federazioni sportive, o di altre innumerevoli aziende, dovrebbero versare i loro contributi all’Inpgi anziché all’Inps. Bloccando un furto annuale di milioni di euro.

Tra i politici/giornalisti in quanti finora hanno deciso di prendere posizione? In due: il senatore Andrea Cangini, ex direttore di QN-Resto del Carlino, e la sottosegretaria alla salute Sandra Zampa, che ha dichiarato di essere favorevole ad una garanzia pubblica delle prestazioni Inpgi, come “necessaria e indispensabile”.

Ma davvero gli altri 40 parlamentari iscritti all’Ordine dei Giornalisti non hanno nulla da dire?

4 Commenti "PARLAMENTARI GIORNALISTI, MA DAVVERO NON AVETE NULLA DA DIRE SULL’AGONIA DELL’INPGI?"

  1. emiliano ronzoni | 5 Febbraio 2021 ore 14:37 | Rispondi

    chi sono i 40 parlamentari iscritti all’ordine? non si può loro indirizzare loro indirizzare una lettera personale e pubblica chiedendo di prendere posizione?
    emiliano ronzoni

  2. Sono d’accordo, lo vedo solo ora perché vivo fuori Italia. Vorrei sapere come si firma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*