INPGI SCRIVE A DRAGHI: PRESTAZIONI A RISCHIO. SALTA UN VERTICE AL MINISTERO DEL LAVORO

di Paola Cascella *

L’Inpgi si rivolge direttamente al presidente del Consiglio e chiede il suo aiuto per ripristinare la sostenibilità finanziaria dell’Istituto in modo da garantire la previdenza e le pensioni dei giornalisti che, allo stato attuale, sono assicurate solo per i prossimi due anni, e forse meno.

Lo ha fatto oggi al termine di un Cda gravato dall’ombra scura del commissariamento che potrebbe scattare il 30 giugno, inviando con 14 voti favorevoli e l’astensione del rappresentante del ministero del Lavoro Salvatore Spinella, un appello indirizzato a Draghi perché agisca in prima persona per riattivare subito il tavolo politico inaugurato a febbraio 2020 per trovare una soluzione condivisa al gravissimo rosso strutturale dei suoi bilanci (l’ultimo registra un – 242,2 milioni).

Il Cda è stato convocato d’urgenza dopo che lunedì 10 maggio sarebbe stato cancellato l’incontro cui la presidente Marina Macelloni e la direttrice generale Mimma Iorio avrebbero dovuto partecipare oggi pomeriggio al ministero del Lavoro.

Un segnale molto negativo, soprattutto in questa fase. Anche perché, a quanto risulta, non sono stati fissati altri appuntamenti. Nell’appello il Cda ricorda al governo che “l’Inpgi ha una riserva tecnica per pagare due annualità delle attuali pensioni (ma nell’ultimo Consiglio generale della scorsa settimana si è parlato di un solo anno ndr)… e una liquidità che si sta velocemente consumando. Il 2020 si è chiuso con un disavanzo di 242 milioni. La scadenza del 30 giugno, termine ultimo allo scudo al commissariamento si sta avvicinando. Il problema dei conti dell’Istituto è strutturale e ha soprattutto a che fare con il mercato del lavoro e le sue dinamiche. Inpgi si è fatto carico negli anni dei trattamenti pensionistici e degli ammortizzatori sociali dei giornalisti, sostenendo il settore dell’editoria nella crisi più profonda che abbia mai attraversato”.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*