INPGI, DALLA RAI NUOVA MAZZATA ALLE CASSE DELL’ISTITUTO

 

di Stefania Conti* 

Dense nubi nere incombono sul cielo dell’Inpgi: anche la Rai passa ai prepensionamenti. Ufficialmente si tratta di “piano di incentivazione all’esodo volontario per il personale giornalistico”. Di fatto quello che l’azienda non potrebbe fare a norma di legge, si affaccia dalla finestra con gli esodi volontari.  L’azienda stessa calcola che si tratterà di un centinaio di giornalisti, con priorità – come è ovvio – a chi è più vicino alla soglia dei 65 anni. Il tutto da concludersi entro il 31 dicembre 2016.

Ai giornalisti che hanno compiuto 64 anni si “regalano” sei mensilità, per quelli hanno 63 anni l’offerta è di nove, per quelli di 62 è di dodici. Via via a scendere (come età) fino ai 55 anni e anche meno, per i quali l’incentivo è di 24 mensilità. Una bella botta per le esangui casse dell’Inpgi, già così pesantemente compromesse.

La Rai dice di aver deciso questa incentivazione all’esodo per “favorire il rinnovamento generazionale della categoria e di acquisire nuove risorse nella prospettiva della creazione di un’offerta informativa sempre più competitiva” (tra l’altro devono ancora essere sistemati parecchi vincitori del concorso fatto due anni fa). Non può certamente dire di avere problemi di bilancio perché con il canone in bolletta, i soldini sono arrivati. Eccome. Il problema, come al solito in questi ultimi anni, è ributtato sulle spalle dell’Inpgi. Drastica diminuzione dei contributi alti da parte dei giornalisti più anziani. Inizio anticipato del pagamento delle pensioni.

E se ci aggiungiamo la ristrutturazione “lacrime e sangue” (citazione testuale del presidente della Confindustria, Boccia) annunciata oggi  per il  “sole 24 ore” , i tempi si fanno ancora – se possibile – più neri.

 

*Consigliera generale Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × tre =