SALVIAMO LA PREVIDENZA, L’ORGOGLIO DI AVERE COMBATTUTO UNA BATTAGLIA DI CIVILTÀ E DI UGUAGLIANZA

di Carlo Chianura *

Le pensioni e le prestazioni previdenziali dei giornalisti sono salve. Nessuno “taglierà del 30 per cento” gli assegni, nessuno “ricalcolerà i contributi degli attivi dal ’97”, come volevano farci credere in questi mesi le voci propagandistico-terroristiche interessate a mantenere lucrose rendite di posizione.

La commissione governo-Inpgi-Inps incaricata di trovare soluzioni al dissesto dell’Inpgi ha chiarito che, comunque vada, anche con un eventuale passaggio all’Inps, le prestazioni saranno tutelate. E assieme a esse l’indipendenza dei giornalisti che nasce anzitutto dalla consapevolezza che non sono in pericolo i propri diritti economici. Di questo risultato dobbiamo essere grati a quanti, partendo dal presidente della Repubblica, hanno messo in rilievo non già che i giornalisti sono cittadini privilegiati, ma che al contrario sono cittadini come tutti gli altri e che quindi hanno il diritto alle tutele previste dalla Costituzione. Come è accaduto in passato a centinaia di migliaia di altri cittadini italiani contribuenti di casse in default.

Consentite quindi ai promotori del comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti” di essere non soltanto grati a quanti hanno ascoltato il nostro appello firmato da 3.000 giornalisti in attività e in pensione, ma anche orgogliosi per avere messo in atto una mobilitazione senza precedenti,  quasi in solitaria, pur non avendo a disposizione mezzi e potentati che non fossero la capacità di ascolto di tanti colleghi di buona volontà, più o meno famosi.

Tra poche ore sarà possibile entrare nel merito delle decisioni della commissione. Come sempre vi diremo fedelmente come stanno le cose, per ora tiriamo un sospiro di sollievo.

* Comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti”

P.S. Precisiamo: il sospiro di sollievo completo ce lo potremo permettere se ciascuno di noi terrà sotto controllo il parlamentare cui ha dato il proprio voto nel 2018, affinché – come purtroppo è accaduto in passato – non ci siano imboscate in commissione o in aula che allontanino la soluzione del nostro problema. A buon intenditor…

4 Commenti "SALVIAMO LA PREVIDENZA, L’ORGOGLIO DI AVERE COMBATTUTO UNA BATTAGLIA DI CIVILTÀ E DI UGUAGLIANZA"

  1. Francesco tropea | 22 Ottobre 2021 ore 12:45 | Rispondi

    Grazie dell’informazione. Faccio soltanto rilevare che il sito dell’Inpgi è sempre in revisione, non dà notizie. Un servizio così sgangherato supera, che ne so, quello di Rivieracqua. Forse bisognerebbe alleggerire il personale, alla Marchionne.

  2. Buongiorno,
    quindi i giornalisti in attività quando andranno in pensione avranno la quota retributiva calcolata fino al 2017?
    Inoltre vorrei sapere quali sono le proposte per L’Inpgi dei vostri candidati all’Odg,. Grazie

    • Non saranno toccati i diritti quesiti. Per quanto riguarda le proposte sull’Inpgi dei candidati che proponiamo per l’Odg, la risposta è che aderiscono alle tesi del comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*