INPGI FUTURO, SULLA EX FISSA UN IMPEGNO CONCRETO FIN DALLA PRIMA ORA. NON CI FERMEREMO

di Paola Cascella *

Quando altri tramavano nottetempo, oppure non davano cenni di resistenza e di esistenza in vita, oppure quando ancora neanche si immaginava quello che si era verificato ai danni dei giornalisti, Inpgi Futuro e Puntoeacapo davano la sveglia alla categoria e ponevano le basi per una presa di coscienza su una delle più grandi ingiustizie degli ultimi anni. Stiamo parlando della cosiddetta Ex Fissa, su cui oggi tanti si ergono a paladini senza esserlo.

Cominciamo con il contratto del 2014, quando denunciammo il primo scippo ai danni degli giornalisti in pensione e in attività.

Abbiamo continuato in questi anni, cercando almeno di raccogliere cocci frantumati da altri, spingendo per un prestito alla Fieg che sanasse anche solo in parte la situazione

Lo facciamo e continueremo a farlo nei prossimi quattro anni.

Tutto ciò premesso, è opportuno rinfrescare la memoria a chi oggi si intesta in esclusiva questa battaglia.

La questione ex fissa è una delle rappresentazioni più eclatanti della caduta libera nella quale versa la categoria dei giornalisti.

L’abbiamo toccato con mano in questi quattro anni di consiliatura Inpgi. Perdita dei diritti, cancellazione unilaterale degli accordi sottoscritti, diktat imposti con arroganza, mancanza totale di trasparenza.

Persino un paio di accordi segreti tra Fieg e Fnsi, scoperti da Inpgi Futuro-Puntoeacapo, grazie ai quali nel silenzio di tutti (tutti) quelli che erano in giunta della Federazione già nell’ottobre 2016 quasi si azzerano gli interessi dovuti ai giornalisti in attesa del loro credito, e nell’aprile 2017, si ipotizzano cinque rate in cinque anni del dovuto, se accetti il taglio netto al 50 per cento della somma complessiva.

Una partita tra il tragico e il ridicolo, condita da affermazioni epocali presto smentite, marce indietro, toppe peggiori del buco, in un sostanziale circo al quale tutti gli organismi interessati hanno dato il loro pregevole quanto triste contributo. La Fieg, certo, che avrebbe dovuto alimentare con aliquote ben superiori il nostro Fondo integrativo contrattuale (ma nessuno glielo ha chiesto, anche in carenza di indicazioni ultimative da parte Inpgi); la Fnsi che in un passato recente minacciò che si sarebbe costituita parte civile contro i colleghi che avessero avuto l’ardire di portare la faccenda in Tribunale per ottenere finalmente la propria ex fissa, per poi cambiare verso pochi mesi dopo e annunciare l’esatto contrario per bocca del segretario Raffaele Lorusso: “Saremo al fianco dei nostri giornalisti”.

E l’Inpgi appunto, che, gestore e controllore del Fondo, ha sempre negato per almeno due anni e mezzo dell’attuale consiliatura qualsiasi informazione sullo stato delle cose, informazioni ripetutamente richieste dai consiglieri di Inpgi Futuro.

La prima volta che la presidente Marina Macelloni risponde, ricostruendo in modo organico la tragica trafila dell’ex fissa, risale al 31 gennaio 2018, il Consiglio di amministrazione si è insediato nella primavera del 2016. Macelloni ammette che già dalla fine del 2017 ha avvertito le parti sociali che il Fondo è incapiente, cioè agli sgoccioli. Lo fa dicendosi disposta a intervenire con un finanziamento agli editori.

Ma già in uno dei primissimi consigli di amministrazione i consiglieri di Inpgi Futuro avevano consegnato alla presidente e alla direttrice generale Mimma Iorio due lettere chiedendo informazioni sulla situazione ex fissa. Lettere rimaste senza risposta, come la domanda di notizie sulla consistenza del Fondo nel giugno 2017. Nulla si può sapere.

Ed è solo l’inizio di una sorta di via crucis, che, questo fino a ieri, porta alla quasi totale esclusione del tema dal dibattito generale. Vuoi parlare di ex fissa, quando l’Istituto versa nel profondo rosso che tutti conosciamo? Sarebbe fuori luogo, data la situazione. Non si nominano più, malgrado le richieste di Inpgi Futuro, neppure i 14 milioni con i quali via Nizza aveva deliberato all’unanimità di finanziare la Fieg perchè venissero pagati i crediti della seconda tranche di giornalisti che aveva optato per la rottamazione (prestito bloccato dai ministeri).

Il tema sparisce dall’agenda del Consiglio di amministrazione. E ha ragione il consigliere di Inpgi Futuro Carlo Chianura quando definisce l’ex fissa “il convitato di pietra di questa consiliatura”, rivelando che il Fondo ha un rosso di 140-150 milioni.

Fine 2017, sono giorni importanti: l’Fnsi comunica ai presidenti delle associazioni regionali (chissà perché prima a loro) che i colleghi avranno il dovuto anche subito, se rinunceranno ad una parte del loro credito. Di cui peraltro spesso non conoscono neppure l’ammontare. Non solo. La letterina di Natale che reca la proposta, è una vera lettera capestro: bisogna rispondere entro fine dicembre, viene annunciato perentoriamente. Anzi no, anche perché è il 23 dicembre e la lettera a molti neppure è arrivata. La confusione è totale. Il termine per rispondere slitta al 20 gennaio.

Il tenore della lettera cambia. Le regole vengono riviste. Caos e rabbia. La Fnsi apre uno sportello non autorizzato, per dare informazioni ai colleghi di ciascuno dei quali ha ottenuto dall’Inpgi i dati personali. E’ allora che nasce il Comitato ex fissa, nel cui direttivo siedono tra gli altri due rappresentanti di Puntoeacapo. Intanto Fnsi e Fieg raggiungono un accordo: il sindacato mette a disposizione 6,7 milioni del Fondo sociale per pagare chi aderirà alla proposta di taglio del credito. E, udite udite, a gennaio arriva la minirata di 3000 euro lordi ai pensionati in attesa della loro ex fissa, magari da otto anni e con un credito di 100mila euro. A primavera cominciano i colloqui Fnsi – giornalisti interessati alla rottamazione. E chi preferisce un pugno di banconote, ma subito, viene pagato nei tempi annunciati.

Ma i soldi finiscono ben presto e tanti che avevano accettato l’accordo-capestro rimangono senza un soldo in mano.

E’ una battaglia in cui noi c’eravamo, ci siamo, ci saremo. In questi anni siamo stati responsabili e abbiamo aiutato come potevamo i colleghi. Certo non li abbiamo spinti allo sbaraglio, in procedimenti più o meno pilota, cause coraggiose ma dall’esito incertissimo, che potrebbero risolversi positivamente per i ricorrenti solo in Cassazione. Abbiamo tentato e tenteremo una soluzione politica, pressando gli editori affinché chiedano alle banche i soldi necessari a pagare chi si accontenta della cifra decurtata e a rimettere in equilibrio il Fondo, visto che il prestito che Inpgi che era stato deciso anche grazie al contributo di Inpgi Futuro non è stato approvato dai ministeri vigilanti.

Sempre senza demagogia e senza urlare, con la forza delle buone ragioni. Restando credibili.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro, candidata alle Elezioni 2020 nella lista dei pensionati

Qui le biografie dei candidati

Qui il programma in brevissimo di Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


12 − 7 =